Export citation

Show simple item record

dc.contributor.authorFederica De Felice*
dc.date.accessioned2021-02-11T21:00:07Z
dc.date.available2021-02-11T21:00:07Z
dc.date.issued2020*
dc.date.submitted2020-10-13 12:32:25*
dc.identifier49102*
dc.identifier.urihttps://directory.doabooks.org/handle/20.500.12854/54657
dc.description.abstractCusano è un personaggio chiave della cultura occidentale: molti e importanti sono i contributi che egli dà in ambito filosofico, giuridico, religioso e politico. Gli studi critici hanno evidenziato e continuano a evidenziare i diversi aspetti della sua vastissima e poliedrica attività speculativa. Meno noti, ma altrettanto significativi, sono l’impegno e la perspicacia con i quali il cardinale cerca di risolvere questioni strettamente matematiche, alle quali si dedica costantemente e intensamente per oltre quindici anni, dal 1445 al 1459, in mezzo a bufere politiche, conflitti territoriali, progetti di riforma e delusioni personali. Si tratta delle seguenti opere, qui tradotte e commentati, per la prima volta, in italiano: De geometricis transmutationibus, De arithmeticis complementis, De circuli quadratura, Quadratura circuli, De mathematicis complementis, Declaratio rectilineationis curvae, De una recti curvique mensura, Dialogus de circuli quadratura, De caesarea circuli quadratura, De mathematica perfectione, Aurea propositio in mathematicis. In questi scritti Cusano cerca di risolvere il problema della quadratura del cerchio e della rettificazione del cerchio, che, pur non essendo nuovo tra i matematici del tempo, viene affrontato da Cusano con tentativi e procedure logico–geometriche aventi una notevole portata storica, non tanto per i risultati raggiunti, che sono fallimentari, quanto per la forma mentis che l’approccio di Cusano sottende. Negli scritti matematici, infatti, emerge una nuova filosofia della mente che riconosce nella dimensione dello spazio (inteso come il luogo della mens–mensura) la condizione metodologica della possibilità del darsi della coincidentia oppositorum. Proprio l’intuizione dinamica dello spazio, per quanto deformata dalla possente immaginazione del filosofo e irretita entro una forma eminentemente teologica, costituirà uno stimolo fondamentale per i nuovi «Archimede» del Rinascimento, suggerendo ai posteri molto più di quanto non sia in grado di dimostrare.*
dc.languageItalian*
dc.relation.ispartofseriesSources 13: Max Planck Research Library for the History and Development of Knowledge*
dc.subject.otherquadratura del cerchio*
dc.subject.othergeometria*
dc.subject.othermathematica*
dc.subject.otherMPRL*
dc.subject.otherEdition Open Access*
dc.subject.otherNiccolò Cusano*
dc.subject.otherArchimede*
dc.subject.otherhistory of science*
dc.titleNiccolò Cusano. Scritti matematici: Introduzione, traduzione e note*
dc.typebook
oapen.relation.isPublishedBye3b46e08-88ff-4b35-af47-e887b8f3d8bb*
virtual.oapen_relation_isPublishedBy.publisher_nameEdition Open Access
virtual.oapen_relation_isPublishedBy.publisher_websitehttp://www.edition-open-access.de/
oapen.relation.isbn9783945561508*
oapen.pages340*


Files in this item

FilesSizeFormatView

There are no files associated with this item.

This item appears in the following Collection(s)

Show simple item record

https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0/
Except where otherwise noted, this item's license is described as https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0/