Show simple item record

dc.contributor.authorMattheudakis, Matteo Leonida
dc.date.accessioned2021-05-04T12:59:36Z
dc.date.available2021-05-04T12:59:36Z
dc.date.issued2020-07-31
dc.identifier.urihttps://directory.doabooks.org/handle/20.500.12854/69470
dc.languageItalianen_US
dc.subject.classificationbic Book Industry Communication::L Lawen_US
dc.titleL’imputazione colpevole differenziataen_US
dc.title.alternativeInterferenze tra dolo e colpa alla luce dei principi fondamentali in materia penaleen_US
dc.typebook
dc.description.versionillustratoren_US
oapen.abstract.otherlanguage"Le ipotesi di responsabilità penale in cui è possibile riscontrare una coesistenza di dolo e colpa rappresentano una realtà tutt’altro che eccezionale nell’ordinamento italiano, a dispetto di una tradizione orientata a distinguere radicalmente tra reato doloso e reato colposo. In una prospettiva diacronica e costituzionalmente orientata, l’indagine evidenzia innanzitutto la duplice origine delle fattispecie a imputazione colpevole differenziata, le quali appaiono, non di rado, il frutto del superamento della responsabilità oggettiva in favore della colpa relativamente a una quota dell’illecito e, in buona parte dei restanti casi, il problematico esito di una parziale deformazione strutturale del dolo. L’analisi progredisce muovendo da un approfondimento della preterintenzione, che consente di mettere a fuoco il modello in cui l’imputazione colposa si riferisce a un evento ulteriore rispetto al fatto voluto, per poi passare a considerare le combinazioni di dolo e colpa in cui quest’ultima si rapporta a un elemento diverso dall’evento, come quelle risultanti dalla disciplina dell’ignorantia aetatis nell’ambito dei reati sessuali. L’itinerario si sviluppa mantenendo costante attenzione ad alcuni aspetti, quali l’edificazione della regola cautelare, la limitazione della punibilità a gradi elevati di colpa, la polarizzazione dell’imputazione colpevole differenziata sul dolo o sulla colpa e la proporzione sanzionatoria. Nella parte finale dell’opera viene tracciato un bilancio della ricerca, su cui l’autore fa perno per condensare alcuni spunti che il legislatore potrebbe considerare nell’auspicata prospettiva di riconoscere più esplicitamente e razionalizzare l’imputazione colpevole differenziata, in particolare quella in senso stretto, intesa come combinazione di dolo e colpa interamente attinente alla dimensione della tipicità. Matteo Leonida Mattheudakis è attualmente docente a contratto di diritto penale presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche dell’Università di Bologna. Dopo la laurea in Giurisprudenza nell’ateneo bolognese, ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in diritto penale nell’Università degli Studi di Parma, dove ha continuato a svolgere per alcuni anni attività di ricerca e ha iniziato la propria esperienza didattica. Recentemente è stato titolare di assegno di ricerca in diritto penale presso l’Università di Bologna. Ha svolto diversi periodi di ricerca all’estero, in particolare presso il Max-Planck-Institut für ausländisches und internationales Strafrecht di Friburgo in Brisgovia e presso la McGeorge School of Law di Sacramento (University of the Pacific). È autore di diverse pubblicazioni, anche in riviste scientifiche straniere, concernenti vari ambiti tematici del diritto penale, con particolare attenzione alla responsabilità dei professionisti sanitari. È membro del Comitato di redazione delle riviste L’Indice Penale; Responsabilità medica. Diritto e pratica clinica; Penale. Diritto e Procedura."en_US
oapen.identifier.doi10.30682/sg303en_US
oapen.relation.isPublishedBy259c0e59-8cd9-4db1-a169-1f19e327db26
oapen.relation.isbn9788869235993en_US


Files in this item

FilesSizeFormatView

There are no files associated with this item.

This item appears in the following Collection(s)

Show simple item record